03 Novembre: Cantù, Daverio, Lecco, New York, Verbania

 

 

 

Cantù - Stracantù 13k

Daverio - 10° Trail Terre di Mezzo 31k 800D+, 14k 350D+

Lecco - VI Maratonina d'Autunno 21k

New York (USA) - New York Marathon

Verbania - 9^ SPORTWAY Lago Maggiore Marathon 42k, 33k, 21k

 

FOTO RV by Dodi

 

 

Altro weekend di pioggia. Come ogni domenica di fantozziana tradizione, l'acqua non ha risparmiato i nostri runner, tranne chi ha volato oltre oceano. Vediamo i risultati!

 

 

A Cantù si è corsa la Stracantù. 13 km divertenti, a cui ha partecipato la nostra Erika. Brava!

 

Daverio, decimo compleanno per Trail Terre di Mezzo sulle distanze di 31 km (800D+) e 14 km (350D+). Un trail classico, reso ancora più emozionante e avventuroso dal terreno fangoso. Felice, inossidabile, conclude il percorso lungo. Claudio, Massimo Marziali e Sabrina tagliano sorridenti il traguardo del percorso breve. E il nostro Max Piras partecipa e porta a termine la versione non competitiva. Bravissimi!

 

Lecco, VI edizione Maratonina d'Autunno. 21 km attorno al lago, su un percorso nervoso e reso difficile dal fango e dalla pioggia. Alis partecipa per la prima volta come pacer per 1h 25m, e guadagna un terzo posto di categoria. Bravo!

 

New York (USA) si è corsa LA MARATONA. Una New York Marathon a cui ha partecipato una nutrita schiera di nostri atleti: Alberto, Matteo, Adele, Susy, Daniela e Francesco. Hanno vissuto un'esperienza unica, che ricorderanno per sempre, accompagnati da un bel sole e da un città in festa. Complimenti!

Un applauso enorme anche a Michele: con qualche problema fisico è partito ugualmente, si è ritirato, ma a testa alta porterà per sempre nel cuore le emozioni che solo New York può regalare.

 

Verbania si è corsa la nona SPORTWAY Lago Maggiore Marathon. 3 distanze: 42 km, 33 km, 21 km. Moltissimi Runner Varese al via. Citiamo in particolare Luca e Carlo che hanno chiuso la maratona rispettivamente in 03.18.39 e 03.27.49. E come non citare la nostra Rita che si è classificata prima di categoria sulla mezza maratona?? Bravissimi a tutti!

 

L'allenamento di gruppo domenicale è stato anticipato alla festività del 1° novembre per correre sulle rive della diga del Panperduto.

  

   

Davvero tutti bravissimi!

 

Riportiamo le parole dei nostri runners.

  

Alis da Lecco, prima volta esperienza da pacer:

"Martedì mattina. Ricevo un messaggio da Carlo: “Ti andrebbe di fare il pacer per 1h 30m?”

Dentro di me rifletto alla svelta: correre 21,1 km in 1h 30m è assolutamente alla mia portata, ma doverlo fare per qualcun altro, soprattutto garantendo un passo regolare km dopo km è un’altra storia. Abituato a strappare e a fare tira e molla a seconda degli avversari intorno, devo ricalibrare completamente le mie priorità.

Insomma, qualche messaggino, Carlo che tira le leve giuste, e mi faccio convincere.

Inizialmente si parla di Lecco, poi Verbania, poi infine ancora lecco. Pacer per 1h 30m, pacer per 1h 35m. Un po’ di indecisione, poi il messaggio finale sabato sera: pacer per 1h 25m.

Domenica mattina mi alzo quindi presto come al solito, e mi dirigo verso Lecco scrutando il cielo: le previsioni non danno nulla di buono, ma al momento non sta piovendo.

Prima della partenza, ritrovo con il gruppo dei pacer: per me tutte persone nuove, come sono estranei i meccanismi e le regole che devo seguire. Ma sono tutti sorridenti e subito mi coinvolgono. E alla fine una cosa mi è chiara: passo regolare per 21,1 km. Accendo il Garmin e faccio riscaldamento. Nel frattempo la pioggia inizia a scendere copiosa.

Qualche parola con altri pacer, e qualche primo atleta che prende confidenza per potermi seguire.

Ci incanaliamo per la partenza e allo start inizia l’avventura: passo regolare, secondo più secondo meno, e i km cominciano a sfilare. Qualche atleta si perde, non riesce a tenere l’andatura, qualcun altro mi raggiunge e mi supera. Ma io non sto correndo per me, sto correndo per gli altri, e devo essere regolare.

Percorso mosso e in buona parte sterrato, che con la pioggia diventa fangoso, molto fangoso. Scarpe pesanti.

Raggiungo la terza donna assoluta: mantengo il mio passo per garantire regolarità e, nonostante la stacchi di qualche decina di metri prima dell’arrivo, eccola in scia.

Al traguardo, dopo 1h 25m 25s, lo speaker mi saluta. Io mi volto e vedo la ragazza che stavo accompagnando che ferma il cronometro: terza donna assoluta e personal best, e lei che mi ringrazia sorridendo.

Un unico, piccolo, momento, ma che mi ha fatto capire l’essenza del pacer: essere un riferimento affinché qualcun altro possa raggiungere il proprio traguardo.

Bellissimo, unico, emozionante: questi alcuni aggettivi. Da ripetere? Senza dubbio."

 

Michele da New York, ritiratosi, ma con bellissime parole da condividere:

"Ciao amici runners.. Ieri non pensavo neanche di partire soprattutto dopo i dolori della notte.. Invece.. Dopo mille indecisioni ho pensato che l  importante era Esserci ed è stata una emozione unica.. Dal condividere i trasferimenti e le ore al freddo ad aspettare la partenza con Francesco, Susy e Matteo.. E fino a quando il mio fisico e il dolore me lo hanno permesso non ho mollato...ma poi era inevitabile.. Ma ho vissuto comunque  per 3 ore e 16k l'entusiasmo coinvolgente e stimolante.. e poi l'incitazione della gente che non avrei mai immaginato. La festa di una città intera.. . e questo mi ha ripagato della delusione delle ultime settimane e ricompensato in buona parte.. anche  per la  tenacia un po'  spregiudicata di voler partire lo stesso... Oggi sono comunque contento e ho imparato quanto sia importante non mollare e ancora di più esserci.. Viverla.. Anche non arrivando . A presto..amici miei.. Un ringraziamento al coraggio e alla voglia di crederci.. E non solo.. che i Dott. Matteo e Marco mi hanno trasmesso..... buona fortuna a tutti!

.. E non dimentichiamo l'Inno americano alla partenza.. Da pelle d'oca..."

 

Alberto da New York:

"Una maratona dura, non solo per i 5 ponti da attraversare, non solo per la parte finale in Central Park ricca di saliscendi, non solo per gli ultimi 200 metri in salita (hey man! Ma lo sai che arrivo da 42 km a tutta?), è dura perché è tutta piena di dislivelli e salite....la famosa prima parte facile...non esiste!! Ma nel complesso è una corsa unica....ho provato sulla pelle cosa vuole dire sentire il proprio nome ripetuto da mille e più voci....che spingevano... incitavano....una "bomba" che mi ha fatto sparire la fatica! E poi non si può dimenticare i gruppi musicali che...suonavano a palla. I numerosissimi volontari che ti invitavano....praticamente il sogno del runner!

Non basterebbe un libro per raccontarvi le mille emozioni e le mille storie che ho visto....vi invito a fate la pazzia di andare a correrla!"

 

Susy da New York:

"Quando dicono che i sogni non si avverano è solo perché sperano in cose folli e impossibili. Se il sogno è un'ambizione raggiungibile basta un pizzico di impegno, forza di volontà e tanto sostegno morale da chi ti sta vicino. Questa combinazione di fattori porta il sogno ad essere concreto. 

Ora posso dire che quel sogno ce l'ho tra le mani. La maratona di New York è la consacrazione, oltre che del mio sogno durato vent'anni, della mia carriera di amatorunner animatrice delle 42k, perché dal primo all'ultimo km non sono le tue gambe a spingerti ma la folla. Ed insieme alla folla multirazziale, multiculturale e multicolore, ti ritrovi passo dopo passo a raggiungere una meta irraggiungibile per distanza e difficoltà, tra falsipiani e curve a gomito, tra battiti di manone e manine, offerte di caramelle e salatini, fazzoletti presi dai passeggini, canti, grida, maschere inquietanti, volontari euforici... ed hai voglia di fermarti da tutti, di abbracciarli, di farti un selfie per imprimerti nella mente che eri lì con quella compagnia di tifosi che ti incitano come se fossi uno di famiglia. Insomma, se non fosse stato per una bellissima medaglia, il finale forse sarebbe stato l'ultimo dei pensieri, talmente era bello stare con loro. Perché alla fine, i veri vincitori, sono dietro alle transenne.

Passo e chiudo."

 

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 

 

CLASSIFICHE 

 

Cantù - Stracantù 13k

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
        Macchi Erika   01.23.33

 

Daverio - 10° Trail Terre di Mezzo 31k 800D+, 14k 350D+

   

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
157 138 10 129 Ravelli Felice M60 03.40.52
14k              
182 147   600 Campello Claudio   01.24.46
197 158   529 Marziali Massimo   01.28.11
213 47   431 Aldizio Sabrina   01.36.12
non comp              
        Piras Massimo   01.20.53

 

Lecco - VI Maratonina d'Autunno 21k

  

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
26 24 3 Linguaccia 329 Colombo Alis SM35 01.25.25

 

New York (USA) - New York Marathon

  

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
23574     45677 Baratelli Alberto M50 04.20.58
27384     67449 Moroni Matteo M54 04.30.38
28473     53065 Ferro Adele F51 04.33.36
33184     64692 Milani Susy F44 04.46.50
35769     58407 Belometti Daniela F51 04.54.28
43092     67488 Mazzetti Francesco Luigi M45 05.23.20

 

Verbania - 9^ SPORTWAY Lago Maggiore Marathon 42k, 33k, 21k

     

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
56 53 15 1103 Merlin Luca SM45 03.18.39
78 73 9 1061 Levatino Carlo SM50 03.27.49
33k              
67 58 13 3195 De Venuto Gioacchino SM40 02.35.10
130 113 20 3162 Longo Mauro SM50 02.49.46
137 119 27 4065 Meccariello Massimiliano SM40 02.50.16
142 122 22 3189 Bellomi Riccardo SM50 02.53.31
21k              
74 69 12 6133 Maffia Giovanni PMSM 01.34.58
135 14 Linguaccia 6134 Zambon Rita SF55 01.43.03
161 142 32 6303 Diana Carlo SM45 01.45.14
338 244 52 6302 Guenzi Domenico SM50 02.12.56

 

 

 

 




Copyright ® 2012-2017 A.S.D. RUNNER VARESE - by A.S.D. RUNNER VARESE