18 Ottobre 2020: Varese, Omegna (VB)

 

 EcoRunVarese2020  

 

 

 

Varese - EcoRun Varese

Omegna - Ultra Trail Lago d'Orta - UTLO 31km 1800D+

 

FOTO RV by Dodi

 

 

Altro fine settimana, altre gare e altri km macinati. Un modo assolutamente salutare di vivere il weekend, rigorosamente rispettosi delle normative, ma con tanta voglia di divertirsi.

Vediamo gli appuntamenti!

 

 

A Varese, si è corsa la seconda edizione della EcoRun Varese all'interno del parco di villa Mylius. O meglio: si sarebbe dovuta correre, in quanto è stata bloccata il giorno a causa delle disposizioni del sindaco Galimberti in merito alle restrizioni Covid-19. Ad ogni modo, i cartelli erano già posizionati, il percorso già tracciato.. perché non approfittarne? E così la manifestazione si è trasformata in una corsa virtuale individuale, improvvisata, ma la causa nobile che l'accompagnava è rimasta immutata: sostenere la realizzazione del Parco Gioia, un progetto per un parco inclusivo, ed in particolare per la costruzione di percorsi tattiloplantari per ipovedenti. E quindi un grande applauso alle nostre atlete e ai nostri atleti, tutti sorridenti sotto le mascherine nella foto di copertina. Bravi!

 

A Omegna la nostra Anna torna a correre dopo un periodo complicato, e come scenario di ritorno alle gare sceglie l'Ultra Trail del Lago d'Orta. 31km, 1800 metri di dislivello.. una prova davvero impegnativa che Anna supera alla grande, lasciando alle spalle il passato e sentendo il cuore pieno di nuova vitalità per le sfide future. Bravissima!

 

L'allenamento di gruppo si è svolto sulla ciclabile della Valmorea: un piccolo assaggio di inverno nella valle, ma che non ha fermato i nostri runners.

 

Castiglione_allenamento20201018.jpg

 

Davvero tutti bravissimi!

 

Ecco le parole di Anna da Omegna:

"Io non ho un centro, non ho certezze, non ho un equilibrio, non so difendermi, ho solo la forza che mi viene da tutto quello a cui sono sopravvissuta. E la paura costante." D.B.

E' passato un anno e tanta vita, ma quella promessa che mi feci mentre al pronto soccorso, con Dan vicina ......, mi comunicavano: "Testa dell'omero fuori sede e frattura pluriframmentaria", l'ho mantenuta. Un anno meravigliosamente devastante che ha messo in discussione tutte le mie già poche sicurezze, tranne una. ASCOLTA IL CUORE.

Il viaggio che mi ha riportata ad Omegna è stato molto più lungo dei precedenti.
Arrivata da Trieste con un bagaglio impossibile da riporre in valigia Un viaggio fuori e dentro di me.
Un viaggio che non poteva non passare da UTLO.
Indispensabile per affrontare vecchie e nuove paure e cercando di allontanarle.

La corsa per me è VITA ed in questa occasione mi son sentita, ancor più, una privilegiata a poter essere alla partenza, poter fare ciò che più amo in un periodo tanto difficile ed "ingiusto", che ha tolto serenità.
Ma sapevo di essere nel posto giusto. Dove volevo essere... e con Loro.

L'inno di Mameli, prima dello start, è stato tanto emozionante quanto inquietante.
Ha aggiunto pensieri ai troppi che già avevo. Ma, mi conosco, dopo i primi 5/6km fatti di millemila frasi motivanti come "non ce la posso fare", "non arriverò neppure al primo ristoro", "oggi è un buon giorno per ritirarsi" ... nella mia testa parte una canzone, gli angolini della bocca vanno insù e non ci penso più ...

Un abbraccio "legale" con il mio congiunto e i sorrisi di Mauro e Lia, accanto a me i primi chilometri, sono stati enegia buona. Grazie ...
La mia scarsa preparazione non mi avrebbe permesso di affrontare la mia distanza preferita, la 60km, ma la 31km ha avuto tutto ciò di cui mi sono innamorata in questi anni.
La prima salita, la via Crucis, che il primo anno fu un vero e proprio Calvario ...
Il passaggio da Quarna Sopra con i suoi angolini deliziosi.
Da lì, la direttissima verso il Mazzoccone con il panorama sul lago d'Orta, gli scorci,tra gli alberi, sulle vallate circostanti, i passaggi tra le rocce...Per arrivare al Croce. Anche quest'anno avvolto in una nuvoletta.

Purtroppo mancava Valerio con il suo buonumore contagioso ed il the caldo ma... c'era...

Uno sguardo veloce alla ricerca di un pezzetto di monte Rosa,  anche per rimandare di qualche secondo... LA DISCESA!
Un brivido che mi ha tolto il fiato..ma, mica potevo restare lassù in attesa che qualcuno mi spingesse giù. Dovevo scendere.
Ero lì anche per quello. Vedevo il mio Demone con il suo ghigno malefico.
Un bel respiro e..in modalità lumaca in sonnambula, ho iniziato a contare i fili d'erba e le zolle...
Non son riuscita a capire quale fosse il punto esatto della caduta, ma ho ricordato, prima Alessandro che mi stette vicino con pazienza, finchè non arrivò Andrea, che mi accompagnò fino al presidio di soccorso. Ancora GRAZIE a voi.
Una foto alla cappelletta prima dell'Alpe Ranghetto dove era allestito il punto di soccorso e da lì ho iniziato a correre, fermandomi solo per un PIP-stop ed al traguardo dove mi aspettavano un Cinghialetto e due palle di pelo che sono la mia gioia, la mia vita.

Ho scelto di ascoltare il cuore.
La mia vittoria più bella....e poi..sono arrivata tutta INTERA!!

Organizzazione UTLO una garanzia, una coccola, una famiglia. Grazie.

Non riesco sempre a sconfiggere le mie paure, ma non smetterò mai di affrontarle.

LIVELOVETRAIL

 

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 

 

CLASSIFICHE 

 

Omegna (VB) - Ultra Trail Lago d'Orta 31 km 1800 D+

  Utlo2020
 

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
247  32 32 1431  Vanetti Anna F 04:43:16

 

 




Copyright ® 2012-2017 A.S.D. RUNNER VARESE - by A.S.D. RUNNER VARESE