28 Aprile 2019: Madrid, Padova, Chia, Sarnico, Brinzio

 

 

Madrid (ESP) - Rock'n Roll Madrid Half Marathon

Padova - Maratona e Mezza Maratona

Chia Laguna (CA) - Ganten Chia21 Half Marathon

Sarnico (BG) - Sarnico/Lovere 25k

Brinzio (VA) - 2° Trofeo della Balena 8,6k (Piede d'Oro)

 

FOTO RV by Dodi

 

Dopo la pausa Pasquale, i nostri atleti non hanno perso tempo e, complici le calorie extra delle uova di cioccolato, hanno fatto letteralmente scintille.

Ma vediamo il dettaglio.


 

I più intraprendenti sono i nostri Maria e Carlo che, da bravi e costanti viaggiatori, vanno a posizionare la bandierina Runner Varese alla mezza maratona di Madrid. Bravi! Ma adesso la domanda è: quale sarà la prossima meta?

 

Tornando in Italia, un altro Runner viaggiatore conquista la Chia Laguna Half Marathon : il nostro Eugenio conclude la mezza maratona nella meravigliosa isola sarda, bravo!

 

Una gran prestazione di Francesco corona la Padova Marathon: 3h15' !!!
Bravissima anche Armanda che aggiunge un'altra maratona nel suo palmares, e un applauso anche a Claudio che si difende molto bene sulla 
mezza maratona. E tutto questo con condizioni climatiche davvero proibitive tra pioggia e freddo: doppi CALDI complimenti!

 

La gettonata Sarnico Lovere, sullo sfondo del meraviglioso lago d'Iseo, vede una trasferta di ben 12 nostri atleti. Ottimo tempo di Azzedine e di Susy, che fanno da apripista a tutti gli altri Runner Varese.

 

Infine nuova prova del Piede d'Oro al Brinzio, che vede Seedy e Martina primeggiare, quest'ultima prima di categoria! E come non citare la nostra Rita, quinta di categoria, che fa della costanza nei risultati il suo punto di forza. Bravissimi a tutti! 

 

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Ecco le testimonianze di questa settimana, in diretta con le emozioni di chi ha vissuto in prima persona l'esperienza.

Fausto alla Sarnico - Lovere:

"Ci sono gare che fai perché rappresentano una sfida, altre per il prestigio , altre ancora per fare il record ... la Sarnico Lovere nacque quattro anni fa per la bellezza della località scoperta su internet. Ogni anno (o quasi) sento il bisogno di ritornarci: é una gara fuori dagli schemi, che capita in un periodo di mezzo, alla fine della stagione primaverile. Difficile fare una preparazione specifica che non contrasti col resto.

E ciò nonostante é una gara che fai, la rifai e ogni volta ti da qualcosa di diverso: una gara che corri per il gusto di correre anche se poi ti sfida e ti richiede di dare il meglio.
Ma veniamo alla gara. Il gruppo Runner Varese, numeroso, si distingue tra la folla: qualche foto insieme, qualche selfie e arriva il tempo dello sparo.
Si parte a palla e poi ci si regolarizza: e via si susseguono i chilometri con frequenti cambi di ritmo. Ci siamo abituati.
Percorso molto vario lungo la sponda bergamasca del lago d’Iseo: la leggera brezza ci toglie l’effetto afa che ci ha investito alla partenza. Le gallerie ci rinfrescano dandoci energie in più per poter accelerare. Poi il fatidico 18 km, culmine dell’ultima e più impegnativa salita: non mi sorprende, l’affronto con attenzione e sicurezza. Subito siamo alla svolta: é il momento pianificato per darla tutta. Qui se ti sei gestito male cominci a soffrire e se invece ti sei gestito bene cominci a fuoco gli ultimi 7 km. Bellissimo il percorso a strapiombo sul lago!!!
A ritmo deciso mi avvicino al traguardo passando i paesini che si popolano di pubblico, quello vero che ti incita e ti fa sentire nuove energie.
Ultimo km, ultima salitella, molti cedono ma io faccio i miei 2 km più veloci e accelero fino alla fine. Taglio il traguardo contento, mi volto, guardo il crono e fisso il mio tempo: 1h 58’ 09” (effettivo 1h 57’ 50”). Poi verifico essere mio PB su questo percorso, un altro minuto tolto al tempo dello scorso anno. Non male, sono in forma ... ma ancor più contento e pieno di sensazioni positive!
Solo sensazioni positive, si questo la corsa ti lascia dopo ogni fatica. Correre è bello! Alla prossima."

 

Armanda da Padova:

"Maratona di Padova. Prima volta per me a gareggiare in questa città che però conosco bene perché mio padre è originario di questa zona. La gara è ben organizzata, peccato per il diluvio incessante.
Ho ritirato il pacco gara il giorno prima. Piccolo ma sostanzioso. C'è dentro tutto. Maglia tecnica bella, di ottima qualità.
Il giorno della gara ho preso il pulmino direzione Stadio Euganeo. Quando scendi capisci che in qualche modo devi ritornare in centro!!
Partire dallo stadio è davvero emozionante, ti senti un “atleta” anche per chi corre/cammina come me, e dopo l'inno di Mameli inizia questo viaggio di 42,195 km.
Percorso stupendo, non monotono. Si attraversano paesini dove gruppi di persone cantano e ti incoraggiano nonostante l'acqua incessante.
Il sali e scendi fa si che non ci si annoi mai. Si sale per il centro di Abano Terme, piccolo e grazioso. Qui non c’erano persone ma ho goduto della bellezza di questo borgo.
Nella mia preparazione non ho avuto modo di fare dei “lunghi” come viene raccomandato e quindi a metà gara la mia andatura è andata diminuendo.
Lì poi entra la fase “lavoro di testa” ed io ho cominciato a pensare a tutti gli allenamenti con RV fantastici e alle mie corsette serali con Rosi, quindi non molli per nulla e vai avanti.
I ristori dopo la mezza diventano rifugi per i corridori. Molti erano rintanati sotto le coperte… purtroppo il brutto tempo non ha mai smesso per tutta la durata della gara.
Ho trovato difficili gli ultimi 2,5 km...anche se sei oramai all’arrivo,  l'asfalto diventa ciottolato e con l'acqua scivolosissimo e si fatica a rimanere in piedi!!
Al mio arrivo avevo perso la sensibilità delle mani ma ero felicissima di aver corso un percorso straordinario con persone gentilissime.
Al 38 km mi hanno regalato un sacchetto per i rifiuti per potermi riparare un po'... Un ragazzo mi ha pure ringraziata dicendo che gli ho fatto da lepre (...ma io non ci credo proprio!).
Medaglia ritirata, super felice di aver concluso questa gara molto italiana con pochi stranieri...
Una gara che mi ha emozionata e dato la possibilità di incontrare persone stupende lungo tutto il viaggio con un dialetto veneto molto divertente!!"

 

Francesco da Padova:

"Erano mesi che avevo scelto questa maratona, il motivo principale era unire la mia devozione a Sant'Antonio alla mia amata maratona. Arrivavo da mesi molto difficili di continue cure per superare i problemi fisici accusati a Torino e quale posto migliore se non Padova per ripartire con grande speranza e voglia. Il sabato è stato meraviglioso con la Santa messa per la giornata dei camminatori e relativa benedizione dei maratoneti e le loro preziosissime scarpe:)))). Giornata splendida di sole e 23° ma le previsioni danno pioggia e vento sicuri, speriamo in un errore! Purtroppo la mattina,oltre ad un deciso abbassamento delle temperature, conferma le previsioni....splendida la partenza dallo Stadio e via verso il mio solito impagabile viaggio!! Nonostante l'acqua come compagna, tutto fila liscio fino al 32km, sono felicissimo perché i dolori sembrano davvero un brutto ricordo e il crono mi regala la possibilità di fare il mio nuovo pb....ma no dai Francesco tutto in una sola giornata non è possibile :)))) ed infatti dal 33km si scatena una vera e propria tempesta di pioggia/grandine/vento! Incredibile esperienza, il freddo piano piano mi blocca e mi ritrovo a tremare come una foglia, dentro di me spero di finirla anche se ogni km mancante piega la mia volontà. Ma ecco la motivazione: la promessa di portare a casa la medaglia a mia mamma ed andare a farci una bella mangiata :))) beh non so come sia arrivato al traguardo, ma quella medaglia è stata la più bella ricompensa ad una situazione mai vissuta prima. La doccia calda è stata la seconda ricompensa ed anche il momento di fare una piccola analisi, beh capivo che nessuna prestazione cronometrica potrà mai darmi la gioia provata nel terminare questa gara, c'è stato tutto: felicità, paura di non farcela, sentirsi impotenti davanti agli eventi e poi di nuovo felicità enorme felicità, vera felicità,  quella che la mia amata corsa mi dà, anche soffrendo e per questo ancor più bella. Che grande fortuna correre, per il piacere di correre, per godersi la corsa più di tutto...perché tutto il resto è noia. Grazie Padova e grazie Sant'Antonio"

 

Eugenio da Chia:

"Ho un debole per le Mezze Maratone organizzate da “FollowYourPassion” e a novembre 2018 al ritiro del pettorale della mezza di Milano mi sono iscritto alla Ganten Chia21 Half Marathon pur non sapendo se sarei riuscito a correrla. Invece sono riuscito e ne sono felice. Parto subito dicendo che è la Mezza Maratona più dura che abbia mai corso ma di questo parlerò dopo.
Il tutto ha inizio e fine presso il Chia Laguna Resort, una struttura turistica inserita in una zona paesaggistica incantevole a pochi minuti a piedi dalla spiaggia “Su Giudeu”, una delle più belle spiagge italiane e non solo. Devo ammettere che tutta la logistica del ritiro pettorale, deposito sacche, servizi igienici è abbastanza caotica e confusa ma la gara fa poi dimenticare il tutto. La gara, con start alle 9:32, con soli 2’ di ritardo, è un anello con partenza e arrivo sempre dal resort. Inizia in sordina percorrendo la zona meno bella di tutto il tracciato e si capisce che non sarà una passeggiata perché subito iniziano dei leggeri saliscendi.
Dopo aver superato il villaggio di Chia si corre tutta la gara sulla SP71 e all’8º km si ripassa davanti al resort, con la gioia dei familiari che incoraggiano sgolandosi e si punta diritti verso il punto più spettacolare del percorso ma anche il più duro. Infatti dal 10º e sino al 18º km si alternano 3 salite che tagliano veramente le gambe e spezzano il ritmo. Però la fatica viene assolutamente compensata dal panorama che si gode perché lo spettacolo del mare turchino che circonda l’isola “Tuerredda” e l’omonima spiaggia è veramente unico.
Dopo l’ultima salita iniziano gli ultimi 3 km in leggera discesa che consentono un ritmo più agevole e che, per chi ha forze residue, da animo per uno sprint finale. Bello l’arrivo con un bravo speaker a intervistare i concorrenti, tra cui il sottoscritto, e bella la medaglia, sempre nello stile FollowYourPassion.
Il ristoro è adeguato con anche un bel piatto di pasta fredda o insalata di riso (peccato per la mancanza di the e soprattutto di birra) e con frutta e acqua a volontà. La 21k, con 555 arrivati, è accompagnata da una 21k non competitiva, da una 10k competitiva è una non competitiva e da una 5k solo non competitiva, con un totale di 1695 arrivati. La giornata è stata ventosa e io sono riuscito ad “ustionarmi” senza accorgermi tutte le parti del corpo non coperte e quindi consiglio per gli anni a venire una buona dose di crema solare! Per finire devo dire che mi sono divertito, che ho faticato, che mi sono abbronzato (oggi sembro un peperone) e che ho passato una bella giornata di sport e vacanza in un posto incantevole.
" 

  

Complimenti a tutti! 

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 

 

CLASSIFICHE

 

Madrid Half Marathon

   Madrid2019 

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
2147     F20327 Chiriac Maria Narcisa D-F 1.41.25
3066     22839 Diana Carlo F-M 1.45.19

 

Padova - Maratona

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
168 155 42 388 Mazzetti Francesco Luigi  SM45 03.15.19
1140 173 33 2277 Cucco Armanda SF40 04.54.55

  

Padova - Mezza Maratona

  

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
745 661 24 5636 Marchione Claudio  SM60 01.45.32

 

Chia Laguna (CA) - Ganten Chia21 Half Marathon

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
280 256 30 530 Muscogiuri Eugenio SM55 01.50.57

 

Sarnico (BG) - Sarnico/Lovere 25k

  SarnicoLovere2019

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
447 418 65 2414 Azzedine Lamhader SM50 01.54.12
622 578 91 766 Volta Fausto Giuseppe SM50 01.58.09
749 695 169 775 Canevesi Davide SM45 02.00.20
789 732 120 1702 Melai Luca SM50 02.01.12
1139 1028 206 2413 Marconi Gianluca SM40 02.07.19
1772 1527 296 817 Musazzi Dario SM50 02.18.18
1876 1604 172 1287 Macchi Marco SM55 02.20.15
1928 1637 64 2651 Cipolat Paolo SM60 02.21.23
2182 380 87 F328 Milani Susy SF40 02.26.21
2224 399 61 F315 Ferro Adele SF50 02.27.09
2575 535 85 F314 Belometti Daniela SF50 02.37.44
2647 2075 256 1750 Keller Daniele SM55 02.39.57

 

Brinzio - 2° Trofeo della Balena 8,6k (Piede d'Oro)

  

Pos.Pos. M/FPos. Cat.Pett.CognomeNomeCat.RealTime
41   10 574 Dampha Seedy M23 00.39.36
86   Fico 61

Menegotto

Martina F16 00.44.36
96   24 1050 Leccese Antonello Vito M45 00.45.26
105   13 829 Crestani Roberto M40 00.46.00
108   25 1061 Bernasconi Stefano M45 00.46.10
110   5 225 Zambon Rita F47 00.46.14
166   13 1621 Nanni Leandro M60 00.51.39
194   11 224 Spera Sandra F47 00.55.45

 

 




Copyright ® 2012-2017 A.S.D. RUNNER VARESE - by A.S.D. RUNNER VARESE